Jane McAdam Freud "L'Autoritratto Impossibile - Freud's Study Merge"

Data: 
Martedì, 28 Novembre, 2017 - 18:30 to Giovedì, 31 Maggio, 2018 - 19:00

Martedì 28 novembre alle ore 18:30 si inaugura alla C|E Contemporary la personale Jane McAdam Freud L'Autoritratto Impossibile - Freud's Study Merge, del ciclo tematico Arte e Perturbante, a cura di Viana Conti con Christine Enrile, di cui l'artista pronipote di Sigmund e figlia di Lucian Freud, è figura di riferimento.

La mostra attraverso un'installazione, che trasformando gli spazi della galleria C|E Contemporary nel Freud's Study, genera un dialogo fra passato e presente, fra presenza e assenza, crea una sovrapposizione significativa tra le antichità collezionate da Sigmund Freud e le opere realizzate dall'artista che qui danno vita a una catena di slittamenti in cui l'autoritratto si dà e si dilegua come "irretimento" materiale e metaforico del doppio, coazione a ripetere, sulla dinamica del gioco del rocchetto Fort/De (S. Freud, Al di là del principio di piacere 1920) anagramma, moto di spirito, dialogo tra sé e l'altro, passato e presente, ciclo tra vita- morte-vita, Personale/Impersonale, Estraneità/Familiarità.

La lettura dell'opera dell'artista britannica Jane McAdam Freud (nata il 24 Febbraio 1958 a Londra) non può prescindere dal fatto che l'identità di un soggetto partecipa di un flusso di relazioni che lo precede e gli sopravvive. Non è ininfluente, in particolare nel suo caso, il rapporto psico-biologico-culturale, extime-intime - secondo una terminologia lacaniana - con la genealogia familiare e il fattore del DNA nella linea della discendenza dal bisnonno Sigmund (Freiberg 1856-Londra 1939) neurologo, filosofo, scrittore, fondatore della psicoanalisi, e dal padre Lucian Freud (Berlino 1922-Londra 2011) pittore tedesco naturalizzato britannico, espressionista e realista esasperato, amico e sodale di Francis Bacon, che lo aveva definito artista realista senza essere reale.
In fatto di costellazione familiare, è noto che Katherine Margaret McAdam, madre irlandese della scultrice, separandosi dal coniuge - impegnato in diverse relazioni extraconiugali che gli hanno dato, a quanto si dice, quattordici figli legittimi accanto ad altri non riconosciuti - non esita a elidere dal suo il cognome Freud. La figlia maggiore Jane, divisa dal padre dal 1966, all'età di soli otto anni, riacquista il cognome Freud ventitré anni dopo, da artista ormai nota e pluripremiata, in un desiderato e attuato ricongiungimento alla figura paterna - autodefinitasi, non senza ironia, il migliore dei padri assenti - in prossimità della sua scomparsa nel 2011.

JANE MCADAM FREUD
l'autoritratto impossibile
Freud's study merge
a cura di Viana Conti con Christine Enrile
dal 28 Novembre 2017 al 31 Maggio 2018
C|E Contemporary
opening martedì 28 novembre 2017 ore 18.30

Location