"Luci sul Parco. Cultura e identità dell'Aspromonte greco"

Data: 
Sabato, 3 Agosto, 2019 - 21:00

Il mese di agosto si apre con un suggestivo calendario di eventi, per trascorrere indimenticabili Notti d'Estate al MArRC sulla meravigliosa terrazza che affaccia sullo Stretto e sul Cielo stellato, grazie alle aperture straordinarie del giovedì e del sabato, dalle 20.00 alle 23.00, al prezzo di ingresso di soli 3 euro (fino al 7 settembre).
In collaborazione con il Planetarium Pythagoras, giovedì 1° agosto, dalle ore 20.00 alle 21.00, gli ospiti del Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria potranno osservare la volta celeste con il telescopio. A seguire, alle ore 21.00, l'astrofisica Maria Concetta Tringali accompagnerà il pubblico in un viaggio affascinante sul tema "Onde gravitazionali: una nuova finestra sull'universo".
Interverranno per i saluti: il direttore del Museo Carmelo Malacrino e la responsabile scientifica del Planetario Angela Misiano. Sabato 3 agosto, alle ore 21.00, l'Ente Parco Nazionale dell'Aspromonte promuove il suggestivo evento "Luci sul Parco. Cultura e identità dell'Aspromonte greco".
Il focus è sul patrimonio culturale immateriale delle minoranze storico-linguistiche greche d'Italia e, in particolare, in Calabria, nell'Aspromonte meridionale, con un'attenzione all'esperienza di accoglienza e integrazione attraverso il cibo e le sue simbologie.
Il programma prevede la degustazione di prodotti e sapori tipici della tradizione grecanica e vino rosso IGT di Palizzi, con testimonianze e racconti a cura di Pasquale Faenza, studioso di cultura grecanica e componente dell'Associazione italiana per la cultura biologica in Calabria.
In convenzione con il MArRC, tra l'altro, da lunedì 29 luglio fino a domenica 8 settembre, sarà attivo un servizio di Parkbus per fantastiche escursioni dal Museo al Parco.
«Continuiamo ad operare con l'obiettivo di offrire alle nostre comunità e ai turisti l'occasione di fruire delle bellezze naturalistiche e culturali di un Parco che vuole essere apprezzato e valorizzato. Con l'evento di sabato al Museo Archeologico vogliamo esaltare la realtà storica, tradizionale e contemporanea dell'Aspromonte Greco, con il suo patrimonio culturale e identitario, con particolare riferimento alla simbologia del cibo», afferma il vice presidente dell'Ente Parco dell'Aspromonte, Domenico Creazzo.
Il direttore Carmelo Malacrino commenta: «La partnership con l'Ente Parco ci permette di conoscere meglio lo stretto rapporto tra natura e cultura in Calabria attraverso l'esperienza diretta, che arricchisce il sapere intellettuale e restituisce vitalità e respiro alle testimonianze archeologiche che il Museo custodisce ed espone».
Il programma espositivo della Mostra "Paolo Orsi. Alle origini dell'archeologia tra Calabria e Sicilia", in collaborazione con il Museo Archeologico Regionale "Paolo Orsi" di Siracusa su un progetto co-finanziato dalla Regione Calabria, si arricchisce di un nuovo servizio didattico dedicato ai bambini accompagnati dagli adulti. Ogni giovedì mattina (ore 10.00 e ore 12.00) e sabato pomeriggio (ore 17.00 e ore 18.00), senza alcun sovrapprezzo, il MArRC organizza i laboratori con l'ausilio della lavagna multimediale collocata nel percorso espositivo, al livello E - seminterrato del Museo. L'attività di didattica è a cura dello staff di assistenza ai servizi educativi e della società che gestisce i servizi aggiuntivi museali, Kore srl. Non è richiesta prenotazione. Domenica 4 agosto, ingresso gratuito per tutti al Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria, con la promozione #iovadoalmuseo, voluta dal ministro per i Beni e le Attività Culturali Alberto Bonisoli. Un'opportunità da non perdere per visitare la ricca collezione museale sui quattro livelli espositivi e le mostre temporanee, che accompagnano i visitatori del MArRC in tanti straordinari viaggi del sapere alla scoperta della Calabria e dei Paesi mediterranei nell'antichità. Nello spazio di Piazza Paolo Orsi è allestita l'esposizione "Diego Vitrioli. Un raffinato collezionista nella Calabria dell'Ottocento" (fino al 25 agosto), per celebrare il bicentenario della nascita dell'illustre intellettuale reggino. Al livello E-seminterrato di Palazzo Piacentini, senza alcun sovrapprezzo, i visitatori potranno ripercorrere le tracce del grande archeologo "Paolo Orsi. Alle origini dell'archeologia tra Calabria e Sicilia". Il progetto espositivo, curato in collaborazione con il Museo Archeologico Regionale "Paolo Orsi" di Siracusa, su un progetto co-finanziato dalla Regione Calabria, presenta per la prima volta in mostra a Reggio Calabria un ritratto storico-archeologico-biografico dello studioso al quale si devono la maggior parte dei ritrovamenti nelle due regioni che si affacciano sullo Stretto, in oltre quarant'anni di attività e di ricerca.

Informazioni
Info: 
Ente Parco d'Aspromonte